Medio Oriente & Africa del Nord

libia: In Libia asta per vendere esseri umani …

Il video della CNN della scorsa settimana che documenta la vendita di migranti africani mostra una nuova violazione della libertà e della dignità dei migranti in questa area geografica del mondo. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato il 14 giugno, la situazione dei migranti e dei rifugiati, per lo più dall’Africa subsahariana, è estremamente tragica: sono costantemente soggetti a diversi tipi di violazioni: violenze, percosse, torture, schiavitù, arresti arbitrari, esecuzioni sommarie, privazione di acqua e di cibo, ecc..

Un rapporto dell’International Bureau of Migration (IOM), pubblicato l’11 aprile 2017, afferma che in Libia migliaia di migranti vengono venduti come bestie nei mercati degli schiavi prima di essere costretti a lavorare o vengono sfruttati sessualmente.

Considerando che la Libia è un importante via di transito per i migranti che desiderano raggiungere i paesi europei, questi ultimi hanno cooperato con la Libia senza tenere in considerazione la sua situazione politica,  di sicurezza o dei diritti umani. Ciò ha portato l’Alto Commissario per i diritti umani, il principe Zeid bin Ra’ad, a denunciare questa cooperazione e considerarla un’azione disumana.

Considerando le regole del diritto internazionale, in particolare la Convenzione sulla schiavitù, firmata a Ginevra il 25 settembre 1926, che nel suo secondo articolo afferma che “le alte parti contraenti si impegnano, nei confronti dei territori soggetti alla loro sovranità, giurisdizione, protezione, sovranità o tutela, nella misura in cui non sono ancora state prese le misure necessarie:

(A) Per prevenire e punire la tratta degli schiavi,

(B) Lavorare, il più rapidamente possibile, per sradicare la schiavitù in tutte le sue forme.”

Per tutto questo, AFD International:

  1. Invita la comunità internazionale ad adempiere al proprio dovere morale e umanitario per porre fine a tali violazioni della libertà e della dignità umana dei migranti e dei rifugiati.
  2. Sollecita la costituzione di un tribunale indipendente per indagare su questi crimini, che possono costituire dei crimini contro l’umanità.
  3. Chiede una soluzione rapida e duratura al caos in Libia e alle continue violazioni dei diritti dei cittadini e dei migranti.
  4. Infine salutiamo la presa di posizione del Presidente francese che qualificato questi azioni come crimini contro l’umanità, che richiedono un intervento immediato del Consiglio di sicurezza per individuare tutti i soggetti coinvolti.

AFD International
Dipartimento MENA
22/11/2017

Related Articles

Close
Close