DipartimentiMedio Oriente & Africa del Nord

Medio Oriente: atti di terrorismo provocano centinaia di morti

Dopo Parigi, Bruxelles, Istanbul, è la volta della Arabia Saudita e della capitale irachena Baghdad per essere ancora una volta oggetto di attacchi suicidi e autobombe.

La città di Medina, il luogo santo dell’Islam, Qatif, città all’est del paese e Jedda hanno sperimentato lunedì 4 luglio 2016 attacchi simultanei e premeditati che hanno ucciso quattro persone a Medina, alla vigilia della festa dell’Eid al Fitr, dove il peggio è stato evitato pur essendo un momento di forte passaggio in questo luogo altamente frequentato; un bilancio ufficiale ha riferito di due feriti a Jeddah, mentre non ci sono stati feriti a Qatif.

Intanto a Baghdad è stato registrato il più letale attacco nella storia di questo paese, con 250 morti e centinaia di feriti, alcuni dei quali stanno ancora lottando per la loro vita. Il modus operandi è sempre lo stesso, il bersaglio è un luogo affollato per aumentare il numero delle vittime e per creare il caos.

Il terrorismo vile e indiscriminato è arrivato nella vita di tutti i giorni, senza che i politici della comunità internazionale troveranno soluzioni efficaci per arginare il fenomeno. AFD International condanna con forza questi atti di terrorismo che prendono sistematicamente di mira civili innocenti.

AFD Internazionale chiede che la comunità internazionale metta in atto un vero e proprio cambiamento di strategie e azioni esterne per il Medio Oriente, azioni efficaci e coordinate necessarie per prevenire e punire gli atti di terrorismo. AFD International chiede inoltre una maggiore vigilanza da parte di tutta la società civile nel contribuire alla formazione di un’autentica partecipazione dei cittadini ed eliminare le fonti di estremismo e violenza cieca.

Related Articles

Lascia un commento

Close
Close